Chiara Valentini | Fermo, 1981

 

 

Diplomatasi all'Accademia di Belle Arti di Bologna, la sua ricerca artistica si focalizza soprattutto nell'ambito della scultura e dell'installazione.

La ricerca del materiale come mezzo di espressione è parte integrante del suo lavoro. Negli ultimi anni questa ricerca trova espressione nel mondo del tessile, nel quale l'utilizzo comune di questi materiali si intreccia con le tematiche introspettive del suo lavoro, fino a renderlo linguaggio espressivo.

Nelle opere in tessuto ricamato di Chiara Valentini è evidente il valore universale del tema delle debolezze umane. Chiara Valentini fonde sapientemente gli archetipi della statuaria classica - simbolo immutabile di perfezione canonica - con le suggestioni anatomiche dei corpi femminili in carne e ossa. Il richiamo all’iconografia classica vuole rendere universale e atemporale la riflessione sulla fragilità della specie umana, che si chiude in se stessa lacerandosi nella dialettica tra essenza e apparenza, tra anima e corpo, rimanendo vittima del proprio essere, inevitabilmente imperfetta.

La sua professionalità eclettica la porta a maturare molte esperienze e collaborazioni in vari ambiti, tra cui l'insegnamento, il design, l'audiovisivo, la fotografia e l'organizzazione di eventi culturali.

 

Partecipa continuativamente a mostre e concorsi, tra i principali: “Ritratto di donna”, installazione site specific, ex ospedale Santa Croce, Macerata, 2017; “Per diletto o per necessità”, doppia personale con Cielo Pessione, a cura di Eva Basile, Palazzo delle Contesse, Mel, 2016; “Limax Maximus”, installazione permanente al MAAM, Roma, 2015; “Doppio segno”, doppia personale con Elena Nonnis, a cura di Lorenzo Respi, Anna Marra Contemporanea, Roma, 2014; “L’abbraccio 2.2014”, performance, TEDx Heraklion, Creta, 2014; “Limax maximus”, installazione site specific, Porchiano del Monte; “Last young. Under 35 in Italia”, Nova Milanese, 2013; “Voulismeno Aloni – Ombelico nel/del mondo”, installazione site specific, Creta, 2012; “Big bang yourself”, Artefiera off, Bologna, 2011; “Cotton”, Premio Celeste 2010; “International art exibition”, Tecnopolis, Atene, 2010; “Il rosso e il filo”, Sassuolo, 2009.

 

Vive e lavora a Macerata.

 

 

After graduating from the Academy of Fine Arts in Bologna, her artistic research focused mainly on sculpture and installation.

The search for material as a means of expression is an integral part of his work. In recent years, this research finds expression in the world of textiles, in which the common use of these materials intertwines with the introspective themes of his work, to the point of making it an expressive language.

In the works of embroidered fabric by Chiara Valentini, the universal value of the theme of human weaknesses is evident. Chiara Valentini expertly combines the archetypes of classical statuary - an immutable symbol of canonical perfection - with the anatomical suggestions of female bodies in flesh and blood. The reference to classical iconography aims to make the reflection on the fragility of the human species universal and timeless, which ends in itself tearing itself into the dialectic between essence and appearance, between soul and body, remaining victim to its own inevitably imperfect being.

Her eclectic professionalism leads her to develop many experiences and collaborations in various fields, including teaching, design, audiovisual, photography and the organization of cultural events.

She continuously participates in exhibitions and competitions, among the main ones: "Ritratto di donna", site specific installation, former Santa Croce hospital, Macerata, 2017; “Per diletto o per necessità”, double solo with Cielo Pessione, curated by Eva Basile, Palazzo delle Contesse, Mel, 2016; “Limax Maximus”, permanent installation at the MAAM, Rome, 2015; "Doppio segno", double solo with Elena Nonnis, curated by Lorenzo Respi, Anna Marra Contemporanea, Rome, 2014; “L’abbraccio 2.2014”, performance, TEDx Heraklion, Crete, 2014; "Limax maximus", site specific installation, Porchiano del Monte; "Last young. Under 35 in Italy ", Nova Milanese, 2013; "Voulismeno Aloni - Ombelico nel/del mondo", site-specific installation, Crete, 2012; "Big bang yourself", Artefiera off, Bologna, 2011; "Cotton", Premio Celeste 2010; "International art exibition", Tecnopolis, Athens, 2010; “Il rosso e il filo", Sassuolo, 2009.

 

She lives and works in Macerata.

 

 

© 2018 - Galleria Anna Marra Srl