Basil Kincaid | St. Louis, MI, 1986

 

 

Basil Kincaid è un artista post-disciplinare di St. Louis, Missouri. Kincaid ha studiato Disegno e Pittura al Colorado College, laureandosi nel 2010. Kincaid ha esposto a New York, Miami, Boston, San Francisco, St. Louis e alla Kavi Gupta Gallery di Chicago. Ha esposto a livello internazionale a Londra, Malmö e Stoccolma in Svezia con Carl Kostyal, Taipei Taiwan, Montpellier Francia, Atene Grecia e Accra Ghana. Ha anche lavorato nella collezione permanente d'arte JP Morgan. Recentemente i suoi lavori hanno debuttato con la loro prima esibizione museale presso la Pulitzer Arts Foundation di St. Louis MO. Il lavoro di Kincaid si concentra principalmente su Legacy, Heritage, Reclamation, Healing, Labour e Self Harmony. La prossima mostra di Kincaid si aprirà questo maggio a Roma alla Galleria Anna Marra.

“Il mio lavoro è guidato dalla nostra connessione con il coraggio, l'intuizione e l'immaginazione ancestrali in concerto con consapevolezza e osservazione contemporanee. La mia ricerca è di comprendere l'arazzo selvaggio della mia identità personale e identità culturale all'interno della diaspora africana, contestualizzato dalle impalcature della mia esperienza americana. Pratico esplorazione di sé, indagine storica e domande sociali critiche per coltivare la guarigione a livello personale e culturale, verso il rimedio della Sindrome Post Traumatica degli Schiavi.

Nella mia pratica, promuovo empatia, curiosità, pensiero critico e conversazione. Osservo come la percezione e il pregiudizio influenzino la relazione con il luogo, gli oggetti, le persone e il loro senso di appartenenza o spostamento. Il mio obiettivo è quello di co-creare siti di guarigione che stimolino la memoria ancestrale dell'amore come libertà dentro di noi, attivando lo spazio per partecipare alla liberazione condivisa su scala locale e globale.

Creo esperienze, oggetti e spazi per connessioni private, interpersonali e ancestrali. Scrivo, quilt, collage, realizzo installazioni, fotografo, eseguo e invento giochi come via di interrogatorio. Il mio lavoro è principalmente composto da materiali culturalmente contestualizzati, trovati o donati. Raccolgo materiale dalle persone attraverso i social media e nelle immediate vicinanze. Questa metodologia esplora l'apparente immaterialità e la disconnessione fisica / personale all'interno degli spazi online, osservando al contempo come i rifiuti riflettano l'esperienza vissuta.

Sono attualmente più interessato alla pratica della trapuntatura come modo di collaborare con energia ancestrale e come metodo di potenziamento. Trovo indispensabile nutrire l'evoluzione delle mie tradizioni familiari creative, onorando i miei predecessori e adattando la pratica per affrontare le domande e le preoccupazioni della vita contemporanea.

La mia famiglia è la mia motivazione trainante e la mia principale influenza artistica. Il quilting come pratica è saturo su entrambi i lati della mia famiglia, che risale a oltre 5 generazioni. La mia influenza immediata come trapunta è Eugenia Kincaid, mia nonna dalla parte di mio padre. Mi appare nei sogni, guidando le mie mani mentre collaboriamo a livello spirituale. Credo fermamente che Quilting mi apra un portale per esistere con tutti i miei antenati che hanno mantenuto la pratica e potenzialmente oltre. Sostenere le tradizioni familiari di fronte all'oppressione è essenziale nel mio processo di guarigione. La trapuntatura all'interno della tradizione culturale nera è sempre stata uno spazio rivoluzionario di gioia, coraggio e comunità in diretto contrasto con la sottomissione sociale e finanziaria.

Il mio approccio stilistico è influenzato dalle innovazioni, dalle pratiche e dai prodotti culturali dei neri americani e degli africani occidentali. Più in particolare, mi interesso di folk e arte nera americana, musica, poesia e tradizioni familiari ”.

- Basil Kincaid

Basil Kincaid is a Post-Disciplinary artist from St. Louis, Missouri. Kincaid studied Drawing and Painting at Colorado College, graduating in 2010. Kincaid has exhibited work  in New York, Miami, Boston, San Francisco, St. Louis, and with Kavi Gupta Gallery in Chicago. Kincaid has exhibited work internationally in London, Malmö and Stockholm Sweden with Carl Kostyal, Taipei Taiwan, Montpellier France, Athens Greece and Accra Ghana. Kincaid also has work in the JP Morgan Permanent Art Collection. Recently Kincaid debuted their first museum performance at the Pulitzer Arts Foundation in St. Louis MO. Kincaid's work focuses primarily on Legacy, Heritage, Reclamation, Healing, Labor, and Self Harmony. Kincaid’s next show opens this May in Rome at Galleria Anna Marra.

 

“My work is guided by our connection to ancestral courage, insight, and imagination in concert with contemporary awareness and observation. My quest is to understand the wild tapestry of my own personal identity and cultural identity within the African Diaspora, contextualized by the scaffolding of my American experience. I practice self exploration, historical investigation, and critical social questioning to cultivate healing on a personal and cultural level, towards the remedy of Post Traumatic Slave Syndrome. 

Within my practice, I promote empathy, curiosity, critical thought, and conversation. I observe how perception and prejudice impact one’s relationship to place, objects, people and their sense of belonging or displacement. My goal is to co-create healing sites that stimulate the ancestral memory of love as freedom within us, activating space to participate in shared liberation on local and global scales.

I create experiences, objects, and spaces for private, interpersonal and ancestral connection. I write, quilt, collage, make installations, photograph, perform, and invent games as avenues of questioning. My work is primarily comprised of culturally contextualized, found, or donated materials. I collect materials from people through social media as well as within my immediate surroundings. This methodology explores the seeming immateriality and physical/personal disconnection within online spaces while observing how waste is reflective of lived experience.

I am currently most interested in the practice of Quilting as a way to collaborate with ancestral energy and as a method of empowerment. I find it imperative to nurture the evolution of my creative family traditions, honoring my predecessors while adapting the practice to address the questions and concerns of contemporary life.

My family is my driving motivation and primary artistic influence. Quilting as a practice is saturated on both sides of my family dating back over 5 generations. My immediate influence as a quilter is Eugenia Kincaid, my grandmother on my father's side. She appears to me in dreams, guiding my hands as we collaborate on a spiritual level. I strongly believe that Quilting opens a portal for me to exist with all of my ancestors that maintained the practice and potentially beyond. Upholding family traditions in the face of oppression is essential within my healing process. Quilting within the black cultural tradition has always served as a revolutionary space of joy, courage, and community in direct contrast to social and financial subjugation.

My stylistic approach is influenced by the innovations, practices, and cultural products of Black Americans, and West Africans.  More specifically, I am interested in Black American folk and fine art, music, poetry, and family traditions.”

 

- Basil Kincaid

CV

 

© 2018 - Galleria Anna Marra Srl