Aron Demetz |  Val Gardena 1972

 

 

Nato nel 1972 in Val Gardena, Bolzano, dove tuttora vive e lavora, Aron Demetz ha adottato la tecnica di scultura in legno tradizionale del Sud Tirolo.

Le sue opere - che rappresentano la figura umana in posizioni classiche o insolite e inusuali - esplorano le possibilità e le limitazioni del legno come materiale.

I lavori che ne risultano hanno una forte presenza fisica, che coinvolge profondamente lo spettatore a livello psicologico.

Dopo che la figura è stata ricavata dal blocco di legno, il materiale viene sottoposto a tre diverse ferite o lacerazioni. La sua superficie viene irruvidita, bruciata o coperta con gocce di resina. Anziché presentare lavori dalle superfici perfettamente levigate Demetz infatti celebra la texture del legno e le sue trasformazioni attraverso vari processi naturali. 

Le figure umane in Demetz si caricano di una serie di forti valenze etiche ed esistenziali. Esse infatti appaiono rigenerate, purificate dal fuoco e dal calore, testimoni e custodi fuori dal tempo di una coscienza umana da mantenere viva.

Tra le principali esposizioni si ricordano: MANN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli; Museo de arte e historia de Guanajuato; Museum of Modern Art, Corea; Art Center Hugo Voeten, Herentals; Hans Arp Museum, Rolandseck; MACRO, la Pelanda, Roma; PAC, Milano; Museo Archeologico, Milano.

Le sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private, tra cui: Museo Daez-Centrum, Lichtenstein; Museo Trautmannsdorff, Merano; Museo Omero, Ancona; Museo Ladin San Martin de Tor, Bolzano; Museum Tirol Panorama, Innsbruck; Museum Beelden Aan Zee, Den Haag; Hans Arp Museum, Rolandseck; Art Center Hugo Voeten, Herentals; Fondazione Michetti, Francavilla al Mare; Fondazione VAF, Rovereto; Fondazione Fendi, Roma; Fondazione Barth, Bressanone; Senato della Repubblica, Palazzo Madama, Roma; Regione Trentino Alto Adige; Nuovo Cimitero di Jesi.

Aron Demetz was born in 1972 in Val Gardena, Bolzano, where he still lives and works. To express his art he adopted sculpture in wood, traditional in Sud Tirol.

His works – which represent human figures in classic or strange and unusual positions – explore the possibilities and limits of wood as a medium.

The strong physical presence of these works profoundly involves the spectator on a psychological level.

After carving the figurds out of the block of wood, the material is subjected to one or more of three processes or lacerations.  Its surface is roughened, burned or covered with drops of resin.  In fact rather than present works with perfectly smooth surfaces Demetz celebrates the wood’s texture and its transformations through these several natural processes.

His human figures are charged with a series of strong ethical and existential valences, appearing regenerated, purified by fire and heat and as witnesses and custodians outside time of a human consciousness which must be kept alive.

Among his main exhibitions we note: MANN – Museo Archeologico Nazionale, Napoli, Italy; Museo de arte y historia, Guanajuato, Mexico; Museum of Modern Art, Korea; Art Center Hugo Voeten, Belgium; Hans Arp Museum, Rolandseck; MACRO, La Pelanda, Roma, Italy and Museo Archeologico, Milan, Italy.

His artworks are in important public and private collections, among them: Museo Daez-Centrum, Lichtenstein; Museo Trautmannsdorff, Merano; Museo Omero, Ancona; Museo Ladin San Martin de Tor, Bolzano; Museum Tirol Panorama, Innsbruck; Museum Beelden Aan Zee, Den Haag; Hans Arp Museum, Rolandseck; Museum Artcenter Hugo Voeten, Herentals; Fondazione Michetti, Francavilla al Mare; Fondazione VAF, Rovereto; Fondazione Fendi, Roma; Fondazione Barth, Bressanone; Senato della Repubblica, Palazzo Madama, Roma; Regione Trentino Alto Adige; Nuovo Cimitero di Jesi.

 

CV

© 2018 - Galleria Anna Marra Srl